Esiste la vita dopo la separazione

Esiste la vita dopo la separazione

Sia che arrivi dopo una lunga ed agonizzante relazione che non funzionava, inutilmente prolungata, sia che incoroni in maniera naturale la scappatella della partner con lo stomatologo (o chissa’ quale altro uomo), la separazione rappresenta una cosa spiacevole e difficile da gestionare.

Cosi’ come informano anche le citazioni motivazionali preferite dalle casalinghe, dai sofferenti emozionali e dai disoccupati, qualunque fine equivale ad un nuovo inizio. Anche se’ e’ in maniera forzata ottimista, la logica della saggezza popolare ha in un certo modo ragione. La chiusura d’un capitolo della propria vita, porta con se’ l’apertura di un altro. Non sono parole al vento, ma la realta’ provata da tanti altri. L’importante e’ non rimanere bloccati tra le pagine, i rimorsi, le lamentele o i comportamenti del tipo: “sono la persona piu’ triste sulla faccia della terra”.

Con un simile entusiasmo, non arrivete troppo lontano (forse solo fino al bar del quartiere, dove sprecherete lo stipendio sugli alcoolici e il tempo con noiose filosofie).

Non dice nessuno che una volta rimasti a soli, dovete organizzare una grande festa con il tema “Finalmente, libero!”, sottolineando, rumorosamente, la ripresa della vita di celibe riconciliato con l'Universo. Avete bisogno d’un periodo di “lutto”, necessario per la rivalutazione delle priorita’ e la separazione graduale dall’evento precedente.

In seguito a questa, la malinconia e l’autocommiserazione non possono piu’ costituire un’opzione. I principali settori da fortificare allo scopo di un’esistenza interessante post-rottura sono:

 

1.-Il sesso. Molti individui che hanno appena rotto con la fidanzata, usano il sesso come un’arma contro lo smarrimento, cercando di riconfermare la mascolinita’.

Insieme ai minuti d’estasi vissuti vicino ad una nuova persona, i rispettivi sperano d’ottenere anche una visione diversa riguardo il domani. Sfortunatamente, il piu’ delle volte, cio’ non succede, poiche’ anche se il sesso ha una serie di notevoli qualita’, l’azzeramento dell’intera prospettiva esistenziale lo scavalca.

Cosa potrebbe fare tuttavia un uomo solo, appena sfuggito ad una relazione nella quale anche persino il notare le scollature per la strada gli veniva rimproverato per ore in fila? Esattamente cio’ che farebbe anche un fumatore a cui e’ stato chiarito che l’astinenza non lo protegge dal cancro polmonare o un carnivoro infuocato, dopo la fine d’una dieta vegana prescritta dallo specialista.

Evidentemente, il sesso (la sigaretta e le bistecche nel caso degli altri due).

La miglior scelta sul piano intimo riduce gli appelli ad una escort (o persino due, tre). Perche’? Con il retrogusto amaro e la vibrazione della parola “Addio!” rimasti ancora sulle labbra, alcuni maschi non sono pronti ad uscire di nuovo per andare a “caccia”. E non devono neanche osare a pensare a qualcosa di serio, specialmente quando possono trovare una consolazione a pagamento.

Pensateci un po’! L’alternativa “amore a pagamento”, vi risparmia dallo sforzo di recuperare dalla memoria vecchie repliche per rimorchiare le donne, d’avere conversazioni insipide, precedenti ad un’orgia incerta e in particolare, d’evitare la delusione dei potenziali rifiuti (la disperazione allontana le donne) o inaspettate delusioni sessuali.

Orientatevi, cosi’, sulla persona istruita a concedervi esattamente quello che desiderate, ma non fate l’errore di considerare la professionista scelta come la medicina che guarisce tutto, cominciando a piangere sulla sua spalla mentre lei, naturalmente, si aspetta tutt’altro...

Una notte in compagnia d’una sensuale “cortigiana”, abituata ad offrire servizi di “consolazione”, non vi riempira’ il vuoto interiore, ma vi fara’ la vita un po’ piu’ bella. Non vi cacciera’ dal “sistema” la mancanza dell’ex, ma vi aiutera’ ad allontanarvi dal problema. E chiaramente, piano, piano, v’aiutera’ ad apprezzare pienamente la qualita’ del celibe che si puo’ permettere in qualsiasi momento... qualsiasi cosa.

 

2.-Gli amici. Un buon rimedio per adattarsi alla nuova situazione sentimentale, e’ spendere del tempo libero con gli amici. L’isolamento, la trascuratezza di se’ stessi (del tipo “che senso hanno tutte queste doccie e farsi la barba ogni mattina?”), dedicarsi solo all’attivita’ di guardare film pornografici o incontri di pugilato, non fanno assolutamente bene.

Per motivi specifici della ragione femminile (inutile da spiegare, quindi), lo spazio dedicato alle uscite con gli amici, era a svantaggio rispetto le attivita’ di coppia. Quando eravate “insieme”, la vostra partner vi trascinava a fare shopping, a vedere film romantici ed alle riunioni di famiglia, al posto di lasciarvi (almeno di quando in quando) uscire con gli amici. Per quello che riguarda lo striptease, le sbronze rumorose o la mancanza da casa senza seri motivi (obbligatorio per natura professionale), non si poneva neanche un problema.

Adesso, i limiti e le restrizioni non hanno alcun potere per quello che vi riguarda. La liberta’ e’ il vostro secondo nome, poiche’ i tempi dell’obbligo di dare delle spiegazioni sono finiti. In questo contesto, fondersi con la poltrona e con il telecomando, lamentadovi in continuazione per commiserazione, mentre gli amici si divertono alla grande fuori, non sembra proprio un’idea ispirata, non e’ vero?

 

3.-Le passioni. Uno dei vantaggi del fatto d’essere per conto proprio, consiste nella quantita’ di tempo libero avuto da qualcuno a disposizione e di conseguenza, nella possibilita’ di preoccuparsi da vicino di se’ stesso o dei propri hobby cari a lui, come: la pesca, la collezione di riviste fuori dal normale, andare in palestra, vedere delle partite di calcio...

Sicuramente, sotto il regime della relazione ufficiale, avete dovuto spesso rinunciare ai piaceri personali in nome dell’idea del “bene comune”.

Attualmente, gli impedimenti di fare cosa e come ne avete voglia, sono sospesi (almeno temporaneamente), cosicche’ niente puo’ ostacolare la vostra suprema felicita’, tradotta in attivita’ d’ogni tipo. Da quelle “della casa” come l’allenamento per i videogiochi o la masturbazione, fino a quelle “esteriori”, come gli incontri con sconosciute o i giochi d’azzardo (le ultime due varianti, avendo abbastanza elementi in comune).

In mancanza degli hobby anteriori, buoni da rianimare l’atmosfera, potete in ogni momento rivolgere l’attenzione su nuovi hobby, ancora non sperimentati. Le possibilita’ sono innumerevoli, ciascuna delle quali combattendo l’apatia, la contemplazione del soffitto o la visione di fotografie di quando...

 

4.-I luoghi. Il cambiamento della situazione sentimentale implica anche il cambiamento del paesaggio. A dispetto delle abitudini create anteriormente, il celibato deve essere inaugurato con l’invasione di nuovi territori. La frequentazione dello stesso cerchio ristretto di “posti” (ristoranti, bar, case da tè, ecc.) mantiene viva la traccia del passato ed ostacola l’avanzamento al prossimo livello.

“Il mercato” abbonda d’interessanti offerte, con il gusto d’un nuovo inizio. Non abbiate paura d’esplorare luoghi sconosciuti, popolati da giovani donne sconosciute, le opportunita’ che tentano ed un pizzico di mistero o d’adrenalina. I luoghi adatti al rilancio della vita sociale, sul quale territorio vi trasformerete dal “povero individuo con una relazione fallita” nel “tipo simpatico vestito alla moda” (cio’, chiaramente, se vi interessa mostrarvi almeno in maniera “adeguata” in un simile viaggio), dove esiste una possibilita’ certa o persino una chance, d’iniziare daccapo.

* * *

Vi ricordate il claustrofobico sentimento della cattivita’ al guinzaglio? Il sogno di spendere un intero fine settimana lontano dalla confusione dei sentimenti contraddittori, delle sue pretese abusive? I nervi procurati per il motivo che avete spogliato con lo sguardo la commessa del negozio? Il fallimento delle negoziazioni d’organizzare una cosa a tre?

Bene, quei tempi sono finiti. Il futuro v’appartiene.

PS: Potete conservare il guinzaglio se avete un feticcio esplicito in questo senso.

fonte:www.eroticnote.com