I 3 principali oggetti atipici per la masturbazione

I 3 principali oggetti atipici per la masturbazione

Una delle attività più piacevoli intraprese con se stesso, la masturbazione, è apparsa molto prima degli altri piccoli piaceri peccaminosi delle signorine: lo shopping, il consumo di cioccolato e la vendetta sull'ex amore. O credete che i dildo dell'antichità, scoperti dagli archeologi, venivano utilizzati per preparare da mangiare?

A livello individuale, la pratica inizia gia dai primi anni di vita. Le bambine si “toccano” nelle zone “sensibili” per piacere, rilassamento o esplorazione (senza comprendere il significato del loro gesto, ovviamente).

In adolescenza, la tentazione diviene consapevole. E l'approccio lo stesso. Gli studi rivelano che il 70% dei giovani, ammettono di “accarezzarsi” in modo frequente le zone intime. Alcune commettono il gesto con noncuranza, altre imbarazzate per le loro abitudini segrete.

Anche nella maturità, le persone seguono liberamente l'impulso ossessivo degli istinti. I motivi della stimolazione per conto proprio tra gli adulti di tutte le età sono molteplici. Il fine è, tuttavia, lo stesso: piacere interiore. Ci sono, ovviamente, anche persone che vanno ben oltre, audaci di perforare in profondità nell'ignoto interiore, animate dalla speranza di poter decifrare la grandezza dell'assoluto o i segreti millenari dell'Universo. Non si sa esattamente se il lavoro presentato in questo senso ha l'effetto scontato, ma probabilmente per qualcuno, la magia funziona.

Le voci scettiche sostengono che, esercitata in eccesso, l'inedita occupazione acceca, rende stupidi o devia la traiettoria esistenziale da una vita esemplare, ad una piena di promiscuità, imprudenze sessuali e articolazioni degradate. Ad eccezione dei casi cronici o compulsivi, l'amore di se non pregiudica ne la lucidità, ne la vista e nemmeno la voglia di interagire armoniosamente con un'altra persona. Anzi equilibra mentalmente, fisicamente e emotivamente la “peccaminosa”.

In tale contesto, la masturbazione ha valore di elemento che completa o diversifica il divertimento. Soprattutto perchè le signore hanno l'opportunità di farlo in molti modi diversi (romantico, aggressivo, spontaneo, programmato, superficiale, approfondito, audace, timido ecc.) e praticamente con qualsiasi cosa a portata di mano, adeguata come dimensione, spessore, consistenza e resistenza.

È vero, vibratori o falsi peni (anche di dimensioni scandalose) si trovano ovunque, venendo incontro a qualsiasi necessità o preferenza e senza costare una fortuna. Ma perchè non lasciare all'immaginazione fabbricare scenari osceni? Anche occasionalmente. Le cose possono essere in qualsiasi momento ravvivate con un pò originalità.

Ecco qualcuno tra gli oggetti più atipici, buoni per essere utilizzati al posto dei classici accessori sessuali:

 

1.-Orsetti di peluche. Non c'è bisogno di avere un forte feticcio per i peluche per spingere la relazione con l'orsetto personale al livello successivo. Quello in cui riceve la missione di essere qualcosa in più di una “roba” divertente (con il ruolo di terapeuta taciturno o semplicemente decorativo, collocato strategicamente tra i cuscini).

Attenzione, non tutti “i gioccatoli” di peluche hanno il potenziale di trasformarsi in uno strumento propizio all'autostimolazione. C'è bisogno che almeno una della parti del “corpo” sia abbastanza dura da riuscire a provocare piacere strofinandola sulla vagina. La morbidezza e l'orgasmo, sono paralleli come le rotaie del treno.

 

2.-Cuscino/coperta. Se avete raggiunto la venerabile età di 20, 30 o 60 anni e vi siete perse il potere benefattore delle coperte (no, non quello dei giorni freddi in cui tengono caldo così come un abbraccio completo), cercate di recuperare il tempo perso. Avvolgete il tessuto formando una sorta di “rotolo”, sedetevi “a quattro zampe” con questo tra le gambe, e iniziate a muovervi sopra e sotto (l'intensità della pressione o il “ritmo” verrà da sè). Potete sostituire la posizione con un'altra che lusinga il vostro stato d'animo in quel momento, la coperta con il cuscino (ideale per il contatto diretto con la vagina), il lavoro individuale con uno di “squadra” (assieme ad un amica... o anche più di una).

 

3.-Getto d'acqua. La masturbazione con lo getto d'acqua è perfetta, nel momento in cui l'evento si svolge nella vasca o nelle vicinanze del bidè amichevole per questo tipo di trattamento. Nella categoria oggetti sanitari a duplice uso, il soffione della doccia che permette la regolazione del flusso di “calore”, è tra le invenzioni più pregevoli dell'uomo. Le femministe dovrebbero essere riconoscenti fino alla vecchiaia per la benedizione di sperimentare, per un quarto, mezza o intera ora di igiene del corpo, le intense sensazioni fluidi.

 

Bonus: Frutta/legumi. Per quanto riguarda “frutta, legumi ed altre bontà commestibili, importate in camera da letto” fanno parte, come è prevedibile intuire, le carote, i cetrioli, la banana, la barretta di cioccolato, specialita di carne “confezionate” a forma cilindrica (non affettate, ovviamente), cosi come il pane (le baguette sono “meravigliose” da questo punto di vista) ecc.

Anche se vagamente popolari (le persone non mischiano, generalmente, la tavola col sesso), queste hanno tutte le probabilità di fare furore fra le “innovazioni”.

In realtà, può sembrare lievemente bizzarro nel bel mezzo dell'incontro, tirar fuori un cetriolo dalla borsetta o dal comodino (siete a casa) per introdurlo in maniera soave nella vagina. Qualcuno non abituato a questo tipo di eccentricità, sarebbe tentato a concludere che i legumi e l'amore si respingono reciprocamente. Ma proprio nell'elemento sorpresa consta l'adesione all'idea che, in intimità, non esistono limiti. Non esistono ricette. Non esistono stampini. Cosi come non esisterebbe la masturbazione solo per mancanza di alternative, solo col dildo o “solo per amor mio”.

Anzi, la masturbazione incanta anche gli osservatori (più o meno passivi), timolandoli ad “intervenire” al momento giusto.

Come esperimento, l'uscita dalla zona di comfort, accompagnata dall'inserimento nel palmares erotico delle “sessioni di euforia autoamministrata con cetrioli, banana, bottiglia di vino o anche con il telecomando”, è ben gradita per tutti coloro che abbracciano l'idea di non conformità.

Per una maggiore sicurezza asettica, non dimenticate che tutti questi oggetti “utilizzabili” devono essere “avvolti” da un preservativo.

Buon divertimento!