Di sesso

Di sesso

Praticato da solo, in due o in gruppo, il sesso rappresenta quella parte eccitante della vita senza la quale sono pochi (sfortunati, incoscienti o, semplicemente capricciosi) coloro che scelgono di vivere. Per coloro che lo accolgono a braccia aperte, questo continua ad offrire innumerevoli sorprese, lanciare provocazioni e servire dilemmi che una concentrazione adeguata di esperienza e teorie, può decifrare senza troppe difficoltà.

Ecco alcuni di essi:


1.-I tacchi influenzano la vita sessuale e le probabilità della donna di “assaggiare” un pò d'azione, sia nel senso dell'aumento della sua attrattività (una signorina con le scarpe alte e minigonna scatenerà sempre dei battiti cardiaci più violenti nel petto dei maschi rispetto ad una che indossa una tuta cascante, maglione a collo alto e scarpe da corsa ortopediche), sia per il fatto che i tacchi (mediante la “tensione” imposta a tutto il corpo), migliorano i muscoli pelvici e favorizzano indirettamente la capacità della donna di raggiungere l'orgasmo in modo più intenso e veloce.

2.-L'antica ipotesi, secondo la quale i maschi benestanti possono risentire l'assenza di capelli, di fascino, di intelligenza o umore, ma non anche di sesso, sembra che sia più di una nota esplicativa di quelli che ritengono di essere scapoli a causa della sfortunata mancanza di denaro. L'esperienza di un numero enorme di individui multimilionari (più del 70% degli intervistati nell'ambito della ricerca), che sostengono che il potere finanziario li aiuta a godere di avventure frequenti e di altà qualità di sesso, rappresenta una prova in più che il reddito contribuisce in modo significativo a vivere una vita decente. Anche dal punto di vista sessuale.


3.-Le signore accettano il sesso con i propri partner perchè vogliono, perche gli piace, perchè è la sera programmata per la dissolutezza, perchè si sono ubriacate, perchè non hanno con chi altro farlo o per il semplice desiderio di “calmare le acque”. Conforme agli studi, l'84% delle donne tollerano il sesso “su richiesta”, impegnandosi in interazioni fisiche solo per calmare i propri partner accaldati o desiderosi di manifestare la loro autorità mediante il sesso.


4.-Visto spesso come un patetico tentativo di compensare la mancanza di “amore” in due, la masturbazione femminile (regolare), porta benefici, limitati all'intervallo di tempo dedicato alla sua pratica, favorendo comunque, il raggiungimento dell'orgasmo allorquando l'intimità viene condivisa con un partner (diverso dal vibratore in dotazione, battezzato come un irresistibile e muscoloso attore di cinema o come l'affascinante collega di lavoro).


5.-Per alcune donne, raggiungere l'orgasmo è una specie di “Triangolo delle Bermuda”, ove tutti gli sforzi investiti scompaiono senza lasciare traccia e senza un risultato soddisfacente. Un mistero risolto occasionalmente, dopo lotte assidue, di preludi approfonditi o insistenze di uomini desiderosi di ricevere piacere, ma anche di offrirlo. Un argomento del quale non si conosce mai abbastanza. Di questo ciclo intitolato “novità sulle donne e i loro orgasmi”, fa parte anche l'idea che la stimolazione dei seni è, a volte, sufficiente per raggiungere l'apice sessuale ambito come un bicchiere d'acqua fredda in una giornata calda (per stimolazione si intende, ovviamente, un processo un pò più elaborato della semplice carezza superficiale della zona o qualche bacio applicato rapidamente sui capezzoli).


6.-Non solo i grandi mazzi di fiori, le dichiarazioni romantiche i regali offerti senza un determinato motivo accrescono le possibilità di un uomo di fare sesso un pò più spesso con la sua partner, ma anche andare a buttare la spazzatura, preparare un soufflé di funghi o togliere la polvere nel salotto. Secondo le statistiche, quelle coppie refrattarie dal tipo: “la donna ai fornelli, il maschio dove vuole”, che dividono in modo uguale le faccende domestiche, sono molto più attive dal punto di vista erotico. Il mop, i detergenti e il ricettario possono fare miracoli, allorquando si tratta di mantenere la vita intima in una zona accessibile ed equa per entrambi.


7.-È ben noto il fatto che l'appetito delle donne “si mette in moto” in presenza di un maschio che ha appena terminato il suo allenamento in palestra (ad esempio), il suo odore naturale funziona come una sorta di afrodisiaco che fa impazzire i sensi e rafforza il desiderio di “possessione”. Questa debolezza, però, non deve diventare un pretesto maschile per non cambiare i vestiti, omettere la doccia giornaliera o rifiutare di utilizzare il deodorante o altri prodotti profumati per la cura del corpo. Perchè le opzioni in causa, non danno origine (in nessun caso), ad avventure selvagge ispirate alle scene dei film porno o all'eccitante Kamasutra, ma piuttosto... a disgusto.


8.-Il raggiungimento dell'orgasmo da parte delle signore non dipende solo dalla fortuna, dai centimetri, dall'allineamento planetario o dall'organizzazione dei mobili nella stanza in conformità con i principi solidi della filosofia “Feng Shui”, ma anche da vari “allenamenti”. Tra questi si contano anche i cosiddetti esercizi Kegel, che consistono nella contrattazione e rilassamento, per 5 minuti al giorno, dei muscoli pubococcigei, cioè quelli che riescono ad arrestare il flusso di urina o “bloccano” il dito introdotto nella vagina, come un anello contrattore.


9.-Le donne preferiscono essere adeguatamente “riscaldate” prima di passare al cosiddetto momento della penetrazione, mentre gli uomini tendono a ridurre il preludio a qualche “movimento” rudimentale, essendo poco incantati del ruolo romantico melodrammatico. Tuttavia, la riuscita dell'atto sessuale non viene conteggiata solo con la soddisfazione di lui, ma anche con quella di lei, pertanto la necessità delle signore e delle signorine di essere “dettagliatamente” coccolate, non deve essere affatto ignorata, soprattutto per il fatto che il corpo femminile è notoriamente dieci volte più sensibile alle carezze di quello dei partner, che se sono disposti a manifestare un pò di pazienza per approfittare di questa “debolezza”, avranno tutto da guadagnare analogamente alle loro fortunate metà.


10.-Nonostante la visione cupa che mette in guardia il fatto che dopo la pensione, le persone si dedicano al giardinaggio, all'educazione dei nipoti o ad altre attività che comportano vestirsi in pantaloni corti e cappello (eventualmente di paglia), non avendo alcuna tangenza con le “follie” sessuali intensamente praticate nella “gioventù”, gli studi dimostrano che la maggior parte delle coppie oltre i 65 anni, fanno sesso almeno una volta a settimana. Notizie promettenti, quindi, per coloro che comparano il passaggio alla terza età ad un declino erotico più inquietante di un film di orrore realizzato a basso costo.


11.-Al di là di tutti gli altri benefici gia conosciuti, il consumo mattutino di caffè sembra avere anche effetti afrodisiaci (questà è l'intrigante novità rivelata dagli esperimenti realizzati sui topi di laboratorio). Diventa pertanto, per molti, spiegabile il motivo per cui il capo non molto attraente oppure la collega con la gonna fino a terra e diottrie multiple, captano spesso, uno strano fascino, istigando pensieri impuri e voglie indescrivibili.


12.-La mentalità colletiva attribuice ad ogni paese uno stereotipo sessuale più o meno tributario alla realtà. Degli italiani e degli spagnoli si dice, ad esempio, che sono i migliori amanti, dei francesi, che sono i più romantici con le loro partner (o con quelle degli altri), e dei norvegesi che, si contraddistinguono, essere di gran lunga, gli uomini più calcolati e fedeli sulla faccia della terra. In questo contesto, il sommo premio per i “seguaci incontestabili del sesso orale” spetta (conforme ad uno studio globale Durex), agli australiani, che sembrano essere definiti dalla loro preferenza per questo ardente “aspetto intrigante” (informazioni con potenziale utilità per i turisti interessati da canguri, koala e atti ben eseguiti di cunilingus o fellatio).